fbpx

Select Page

Arieggiatore: Guida All’acquisto Migliore

Ultimo aggiornamento su

Arieggiatore miglioreIn questo spazio trattiamo un attrezzo indispensabile per ravvivare il proprio giardino e rendere l’erba del prato sempre nuova ogni anno. Stiamo parlando dell’arieggiatore scarificatore.

Questo attrezzo è pratico e molto funzionale per arieggiare e ripulire il prato in primavera da muschi, funghi, foglie morte ed erbacce varie. Il muschio in particolare viene rimosso tutto in modo radicale.

Il risultato immediato è un giardino piuttosto scarno e un po’ “spelacchiato”, ma pronto per ricevere i semi di erba nuova, che ricrescerà più bella di prima per la stagione estiva successiva.

Volete immagine di fare tutto questo lavoro a mano? Con questo attrezzo la fatica lascerà il posto ad efficienza e rapidità senza che nessuna goccia di sudore venga versata.

Perfetto per preparare il terreno prima dello spargimento delle sementi e far rinascere il prato. Di solito si presenta con diverse intensità di affondo delle lame a seconda di quanto il prato è danneggiato o a seconda di quanto si vuole rinnovare.

A seconda dell’altezza di avranno solchi profondi oppure, se scelto un livello superficiale, questa attrezzo da giardino può funzionare benissimo come rastrello arieggiatore.

Questo attrezzo serve per creare dei solchi nel terreno in modo da arieggiare il prato prima dell’autunno e prima della primavera. Si elimina la coltre di erbaccia che si è creata nel tempo e che soffoca il prato.

Confronto tra i migliori arieggiatori

Anteprima
Scelta migliore
AL-KO Combicare 38 E Comfort Arieggiatore+Scarificatore (doppio rullo) elettrico 1300watt.Lavoro 38cm.Cesto 55l tela.Ideale 800mq.
Bosch ALR 900 Arieggiatore
Miglior prezzo
BLACK+DECKER GD300-QS Arieggiatore Elettrico 600 W, Larghezza di Raccolta 30 cm
einhell RG-SA 1433 Arieggiatore Elettrico, 1.400 Watt, Rosso/Nero
Bosch Home and Garden 060088A100 Scarificatore
Prodotto
AL-KO 38 E Comfort
Bosch ALR 900
BLACK+DECKER GD300-QS
Einhell RG-SA 1433
Bosch AVR 1100
Peso
15 kg
9,4 kg
7 kg
12,54 kg
10 kg
Potenza
1300 Watt
900 Watt
600 Watt
1400 Watt
110 Watt
Cesto
55 l
50 l
30 l
28 l
50 l
Valutazione del cliente
Recensioni
407 Recensioni
23 Recensioni
93 Recensioni
26 Recensioni
28 Recensioni
Scelta migliore
Anteprima
AL-KO Combicare 38 E Comfort Arieggiatore+Scarificatore (doppio rullo) elettrico 1300watt.Lavoro 38cm.Cesto 55l tela.Ideale 800mq.
Prodotto
AL-KO 38 E Comfort
Peso
15 kg
Potenza
1300 Watt
Cesto
55 l
Valutazione del cliente
Recensioni
407 Recensioni
Anteprima
Bosch ALR 900 Arieggiatore
Prodotto
Bosch ALR 900
Peso
9,4 kg
Potenza
900 Watt
Cesto
50 l
Valutazione del cliente
Recensioni
23 Recensioni
Miglior prezzo
Anteprima
BLACK+DECKER GD300-QS Arieggiatore Elettrico 600 W, Larghezza di Raccolta 30 cm
Prodotto
BLACK+DECKER GD300-QS
Peso
7 kg
Potenza
600 Watt
Cesto
30 l
Valutazione del cliente
Recensioni
93 Recensioni
Anteprima
einhell RG-SA 1433 Arieggiatore Elettrico, 1.400 Watt, Rosso/Nero
Prodotto
Einhell RG-SA 1433
Peso
12,54 kg
Potenza
1400 Watt
Cesto
28 l
Valutazione del cliente
Recensioni
26 Recensioni
Anteprima
Bosch Home and Garden 060088A100 Scarificatore
Prodotto
Bosch AVR 1100
Peso
10 kg
Potenza
110 Watt
Cesto
50 l
Valutazione del cliente
Recensioni
28 Recensioni

Ultimo aggiornamento 2019-06-17 at 14:49 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Peso: viene indicato il peso espresso in chilogrammi.
Potenza: viene indicata la potenza del motore espressa in Watt.
Cesto: viene indicata la capienza del cesto espressa in litri.

Come scegliere il migliore?

Sappiamo che il nostro giardino ha bisogno di una bella ripulita per due volte l’anno. La scarificazione del prato è il primo passo per preparare il terreno per rinascere a vita nuova nella bella stagione. Dunque dobbiamo acquistarne uno, ma non sappiamo ancora quale e come sceglierlo tra i tanti in commercio.

Un criterio che suggeriamo di considerare per primo riguarda le dimensioni del giardino. Ci sono diversi prodotti, di diverse dimensioni e potenze che si adattano a differenti estensioni. Un secondo, ma non meno importante elemento, è l’ingombro.

Infatti, visto che le scarificazioni del terreno non sono effettuate troppo spesso durante l’anno, ma sono delle attività stagionali, è importante sapere quanto spazio l’arieggiatore occuperà nella nostra rimessa degli attrezzi. Non essendo usato tutti i giorni, bisogna dunque trovargli un posto, e dunque il suo ingombro non è un elemento secondario.

Inoltre la capienza del cesto della raccolta è un aspetto fondamentale. Quando passiamo ci accordiamo subito della grande quantità di materiale che viene prodotto.

Sceglierne uno con un ampio cesto è molto importante, proprio per ridurre al minimo i viaggi alla discarica dell’umido per svuotarne il contenuto. Tenuto conto anche di questo elemento, integrandolo con gli altri qui menzionati, la scelta del ventaglio di prodotti in commercio si può restringere, rendendovi più semplice il compito di fare l’acquisto migliore.

Sul mercato ci sono diversi tipi; vedremo questi in dettaglio nei paragrafi successivi e nelle altre pagine di questo sito. Riferendoci sempre a un tipo generale di arieggiatore manuale a spinta i tipi principali sono di tipo elettrico e a scoppio, unitamente al fatto che a seconda della funzione scelta si può in ogni caso usare questo attrezzo anche come rastrello scarificatore.

Quali sono i tipi di prodotti manuali in commercio?

Come anticipato sopra ci sono due tipi di prodotti prato in commercio. Cominciamo con quello elettrico. Solitamente questo tipo è meno ingombrante e più leggero. La potenza del motore è più limitata in questo caso, ma la praticità, specialmente per giardini di piccole e medie dimensioni, vince sulle altre qualità.

Inoltre, più economici nel prezzo, gli arieggiatori elettrici sono molto gettonati tra gli utenti. Bisogna ovviamente fare attenzione al cavo dell’alimentazione che bisogna sempre portarsi dietro, ma con un po’ di pratica non è un problema. In generale, gli scarificatori elettrici sono i più maneggevoli e facili da usare, ma le prestazioni sono modeste e adatte a terreni di piccole e medie dimensioni.

L’altro tipo in commercio, è quello a scoppio, vale a dire con motore che funziona a benzina e che spesso ha anche diverse velocità di lavoro. In questo caso le prestazioni sono più potenti, ma anche il prezzo sale. Quelli a scoppio sono adatti per terreni più ostici e di più grande dimensione. L’unico difetto di questo tipo di arieggiatore a scoppio è il fatto che il peso e le dimensioni sono più grandi. In termini di ingombro quelli a scoppio sono più problematici, ma tutto dipende dalla disponibilità e dalle esigenze del singolo utente.

Per concludere, sia a scoppio che elettrici, sono un tipo di attrezzo indispensabile per la salute del terreno e per rinnovare la bellezza dell’erba del prato. Chi ama occuparsi del proprio giardino con meticolosità ed efficienza, senza tuttavia fare troppa fatica, questo tipo di prodotto si rivela un validissimo aiuto che, anche se usato un paio di volte l’anno, si rivelerà indispensabile.

Come usarlo?

Come usare un arieggiatore e scarificatoreOra che sappiamo cos’è un arieggiatore e quali tipi sono in commercio, possiamo chiederci come e quando usarlo. Innanzitutto isoliamo il problema: il terreno dopo l’inverno si presenta duro e a volta pieno di foglie, muschio e funghi.

Dopo l’estate invece, erbacce dalla profonda radice possono averlo intaccato, oppure la terra può presentarsi così secca e dura che bisogna ravvivarla per irrigarla meglio.

Arieggiare e scarificare sono due attività che si distinguono, ma allo stesso tempo sono simili. La differenza è data sopratutto dalla profondità scelta e dal fatto di usare il gruppo lame o degli artigli che hanno la funzione di scavare più a fondo nel terreno sollevandone piccole zolle.

Ha delle lame, ma anche uncini o artigli, che rompono lo strato superficiale del terreno e sono adatte per la semina o per disturbare molto le radici in modo da rendere più semplici sradicarle. L’arieggiatore serve per rendere la superficie meno compatta e arieggiarla appunto, liberandola anche da foglie e muschi. Si tratta di due funzioni diverse ma complementari. Se uno ha un prato molto uniforme e non vuole cambiare niente lo scarificatore non sarebbe indispensabile, ma è sempre utile avere anche questa funzione.

Arieggiatore e scarificatore rappresentano due funzioni differenti e bisogna sostituire le lame o gli uncini per passare dall’una all’altra. In pratica l’arieggiatura è più leggera rimuove muschio erba a filamenti lunghi e via dicendo, mentre la scarificazione agisce con maggior impatto sul terreno fino a inciderlo considerevolmente e arriva a incidere il terreno. La scarificatura si pratica all’inizio stagione magari riproponendo la semina di nuova erba.

L’arieggiatore migliore

Abbiamo selezionato una scelta di arieggiatori e scarificatori che sembra assomigliarsi, ma in realtà hanno dettagli che li differenziano e che è bene osservare in modo da trovare il prodotto ideale, ossia quello più adatto alle proprie esigenze. Qui di seguito ecco una lista degli scarificatori migliori sul mercato, a nostro parere. Si può vedere come essi corrispondano a marche più note al grande pubblico e altre più specializzate e di settore.

Attraverso questi modelli è possibile osservare le caratteristiche che rendono un arieggiatore di grande qualità e dunque quali sono le qualità minime che fanno di un prodotto l’eccellenza del mercato. Ognuno di questi modelli è molto valido, ma ciascuno è adatto a specifiche che sta poi all’utente riconoscere e che sono legate ai suoi bisogni.

Lavorare a diverse profondità

Quando si scarifica, bisogna tenere conto di lavorare su altezze precise e diverse a seconda dell’azione che si vuole svolgere sul terreno. Lavorare alla profondità giusta è fondamentale per evitare brutte sorprese. Bisogna scegliere l’altezza di lavoro giusta per non scavare troppo.

In questo caso è consigliabile provare lo scarificatore su un piccolo pezzo di terreno, magari un angolo non troppo visibile e in questo modo tarare la profondità che vogliamo. Questo prove sono molto utili per capire quando si riesce a sentire la macchina lavorare.

Questo momento avviene nel momento in cui l’apparecchio comincia a trainarsi da solo, sempre avendo l’attenzione di non affondare troppo per non strappare tutte le radici.Le altezze possono variare su differenti livelli. Ci basti indicarne tre fondamentali, anche se diversi modelli di arieggiatore e scarificatore ne presentano diverse. Vogliamo qui dare un’idea indicativa delle differenze altezze scelte e dei risultati a esse corrispondenti.

In generale una posizione più bassa si considera adatta per una arieggiatura più vigorosa, indicata in particolare per la rimozione dei detriti alla base del tappeto erboso, come per esempio, muschio, erbacce e funghi. In questo caso il terreno è pronto a ricevere nuovi semi di erba e si può irrigare meglio.

Una impostazione di altezza media, invece, è da utilizzare per dare al prato un’arieggiatura moderata, indicata per la maggior parte dei giardini. L’impostazione con un’altezza più alta conferisce un’arieggiatura leggera, adatta per raccogliere le foglie ed i residui dell’erba tagliata. Questa impostazione può essere utilizzata anche per “pettinare” l’erba prima del taglio. In questo caso l’arieggiatore funziona come un rastrello.

In conclusione se si deve dare una bella arieggiata al prato, si sceglie la misura minima. Invece se si deve letteralmente fresare il prato per riseminare, allora bisogna scegliere di andare più in profondità. Il meccanismo è molto semplice e intuitivo, inoltre si risparmia moltissima fatica, se si pensa di fare lo stesso lavoro manualmente. Con un arieggiatore e scarificatore la vita cambia completamente non solo per il vostro giardino, ma anche per voi che dovete lavorarci.

Prezzi e offerte

Scarificatore prezzi e offerteVeniamo al punto forse di maggiore interesse per chi si è già deciso a comprare uno scarificatore. A meno che non ci si voglia proiettare su di un arieggiatore usato, cercando un occasione, qui trattiamo i prezzi dei prodotti nuovi, anche per dare un’idea dell’offerta odierna sui prodotti più innovativi in questa categoria.

Sappiamo che i tipi di scarificatore sono differenti, e che a seconda anche il prezzo ovviamente cambia. Basti però sapere che, in generale, senza fare distinzioni, si può portare a casa un arieggiatore e scarificatore di qualità ed efficiente anche solo con una spesa che può variare tra i 90 euro e i 200 euro.

La spesa di un arieggiatore nuovo non è dunque elevata. A nostro parere visto questo esiguo impegno finanziario, meglio davvero considerare seriamente l’offerta presenta sul mercato dei nuovi prodotti, anche per una semplice ragione.

I prodotti nuovi, che arrivano direttamente dalla fabbrica, non hanno usura, un punto importante trattandosi di un apparecchio che lavora attraverso lame e uncini. Inoltre è ovviamente più vantaggioso dal punto di vista della manutenzione e del servizio di garanzia.

Conclusione

Abbiamo presentato qui i tratti più importanti e specifici di questo prodotto molto utile che è l’arieggiatore e scarificatore. Nelle pagine di questo sito presentiamo ulteriori dettagli che ci auguriamo essere utili per orientare nella scelta del prodotto migliore.

Con una differenza tra scarificatori elettrici e a scoppio, con o senza un capiente cesto, più o meno ingombranti, qui diamo una panoramica dei migliori prodotti a oggi sul mercato e progettati, realizzati e distribuiti dalle migliori marche a livello mondiale.

Pin It on Pinterest

Share This